Bruno Buttone: l’ex boss chiede i diritti d’autore per una canzone neomelodica

Bruno Buttone: l’ex esponente del clan Belforte, dopo il carcere e la collaborazione con lo Stato, chiede i diritti d’autore per un brano cantato da un artista neomelodico

La vicenda di Bruno Buttone conferma quanto siano forti i legami tra la camorra e la musica neomelodica partenopea. L’uomo, oggi, è un collaboratore di giustizia. In passato, ha fatto parte del potente clan dei Belforte. Si tratta di una cosca operante a Marcianise, in provincia di Caserta.

Bruno Buttone dichiara di aver composto una poesia nei giorni della sua esperienza carceraria a Poggioreale. Il pentito sostiene di aver inviato la poesia al cantante neomelodico Nico Desideri. L’artista avrebbe trasformato la poesia in una canzone.

L’ex boss di camorra chiede, ora, che gli vengano riconosciuti i diritti d’autore. Buttone, inoltre, dice di aver scritto diverse volte a Desideri ma di non aver mai ricevuto una risposta. L’uomo considera quella canzone, intitolata “Ciao papà“, importante per la sua vita. L’avrebbe, infatti, dedicata a suo padre.

Altri camorristi, in passato, si sono cimentati nella composizione di canzoni neomelodiche. Ricordiamo, in particolare, l’esperienza di Luigi Giuliano. Tra l’altro, il percorso dell’ex boss di Forcella è stato simile a quello di Buttone. Entrambi erano potenti boss dei loro clan, entrambi si sono pentiti. In comune anche l’amore per la musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *