Casa Riina: inchino durante la processione a Corleone?

Casa Riina: durante la processione di San Giovanni Evangelista potrebbe esserci stato l’inchino davanti all’abitazione del capo dei capi, sua moglie si sarebbe affacciata

Casa Riina nuovamente al centro delle polemiche. Nonostante ventitré anni di carcere duro, il boss di Corleone continua ad essere temuto e rispettato, soprattutto nella sua città natale. Un rispetto che viene mostrato dagli abitanti del comune palermitano nei confronti della famiglia dello spietato boss, in particolare della moglie Ninetta Bagarella.

Sembra, infatti, che nel corso della processione di San Giovanni Evangelista il carro si sia fermato nei pressi dell’abitazione di Totò Riina. Affacciata al balcone c’era proprio lei, Ninetta Bagarella, in compagnia delle sue sorelle, la quale si dice abbia apprezzato il gesto, ricambiando con un sorriso.

Il sindaco di Corleone Lea Savona prova a difendere i suoi concittadini, dichiarando che non vi è stato nessun inchino e che si tratta solo dell’ennesimo tentativo di strumentalizzazione. Sembra, però, che l’inchino ci sia stato, a tal punto da spingere il commissario della polizia ed il maresciallo dei carabinieri ad abbandonare la processione.

Sono, intanto, partiti i primi accertamenti in merito ai fatti avvenuti lo scorso 29 maggio. Pare che uno dei membri della Confraternita sia un cugino di secondo grado di Ninetta Bagarella ma che sia un uomo senza precedenti penali. Molto più oneste e coraggiose le parole del parroco di Corleone Domenico Mancuso il quale si è detto dispiaciuto per l’accaduto, aggiungendo che, d’ora in avanti, la processione non transiterà più in via Scorsone, quella in cui vive la signora Riina.

Anche il vescovo di Monreale ha usato parole dure nei confronti dell’episodio, dichiarando che è stata nominata una commissione d’inchiesta è che è il caso, a partire dalle prossime processioni, di concordare insieme alle forze dell’ordine le soste da effettuare, in modo da evitare che simili fatti possano accadere ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *