Clan D’Amico: blitz dei carabinieri, 90 arresti a Napoli

Clan D’Amico: arrestate novanta persone ritenute vicine al clan operante nella periferia orientale di Napoli. Ecco i capi d’imputazione

Più di 300 carabinieri del Comando Provinciale di Napoli sono stati impegnati in una importante operazione anticamorra nei confronti del clan d’Amico. Novanta persone sono state arrestate con l’accusa di far parte del suddetto clan operante nella periferia est di Napoli e coinvolto nella gestione di diverse attività illecite. I reati ipotizzati dalla Direzione Distrettuale Antimafia nelle ordinanze di custodia cautelare emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari di Napoli vanno dall’associazione per delinquere di tipo mafioso all’omicidio, dall’estorsione al narcotraffico, ma anche detenzione e porto abusivo di armi da fuoco.

Gli agenti hanno circondato il rione Conocal, quello in cui agisce il clan D’Amico e che è situato nel quartiere Ponticelli. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, le donne avrebbero svolto un ruolo molto importante all’interno delle organizzazioni criminali. Il clan avrebbe esercitato un potere importante in tutte le attività legate ai reati sopra elencati e, addirittura, anche nel business relativo al commercio delle case popolari. Si tratta di un’operazione senza dubbio importante che ha preso di mira uno dei principali clan dell’area est di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *