Clan Sequino: agguato alla Sanità, ferito un 27enne

Clan Sequino: agguato in pieno giorno al quartiere Sanità, ferito il nipote dell’omonima cosca

E’ stato un vero e proprio attacco frontale al clan Sequino. Si torna a sparare nel centro storico di Napoli. Teatro dell’ennesimo agguato di camorra il quartiere Sanità. Nel rione partenopeo è ormai da tempo in atto una faida per il controllo delle piazze di spaccio e per gli altri business illegali.

Giovanni Sequino, nipote di Nicola Sequino e figlio di Attila, è stato ferito all’addome nel corso di una sparatoria. Non ci sono dubbi sul fatto che fosse lui il reale obiettivo dei killer. Il giovane è stato trasportato all’ospedale Vecchio Pellegrini, sito in via Pignasecca. Due i killer che avrebbero agito in sella ad una motocicletta. Dei due è stata persa ogni traccia dopo la sparatoria.

Si sa solo che uno dei due indossasse una parrucca rossa. Tale gesto potrebbe, forse, dipendere dal fatto che in zona sono presenti diverse telecamere di videosorveglianza. L’agguato è abbastanza facilmente inquadrabile nella guerra di camorra tra le cosche del centro storico. Il clan Sequino è già da tempo in lotta con il clan Vastarella per il predominio in un quartiere da sempre molto importante negli equilibri criminali della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *