De Magistris-Saviano: ancora scontri sulla questione “camorra”

De Magistris-Saviano: querelle infinita attorno al tema della criminalità organizzata

De Magistris-Saviano: ennesimo duro confronto a distanza tra i due. La tematica è sempre la stessa, quella della criminalità organizzata. Lo scrittore di Gomorra accusa il sindaco di Napoli di aver fatto poco o nulla per contrastare le organizzazioni criminali. Il numero uno del capoluogo partenopeo risponde di aver sempre combattuto in prima linea la criminalità organizzata.

Chi ha ragione, chi ha torto? La verità, come sempre, sta nel mezzo. Da un lato c’è un sindaco che si è guadagnato, comunque, la stima dei suoi concittadini, a tal punto da essere rieletto per il suo secondo mandato. Dall’altra parte ci sono i dati. Il 2016 è coinciso con una crescita del numero di morti causati dalla camorra. Un’escalation di violenza che non sembra essersi placata nemmeno nei primi giorni del 2017.

Saviano continua ad accusare l’intera classe politica. Renzi, De Luca, Salvini, gli esponenti del Movimento Cinque Stelle e il sindaco di Napoli sono i suoi bersagli preferiti. Lo scrittore campano, però, non propone alcuna soluzione fattibile per debellare un fenomeno esistente da secoli.

Sarebbe cosa assai più gradita trovarsi intorno ad un tavolo e proporre soluzioni. Siamo sicuri che sia De Magistris che Saviano abbiano a cuore il futuro di Napoli e della Campania. Le chiacchiere, come sempre, servono a poco e lasciano il tempo che trovano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *