Giovanni Colangelo: la camorra voleva uccidere il procuratore

Giovanni Colangelo: secondo un pentito pugliese, la camorra aveva preparato un attentato per uccidere il procuratore di Napoli

Giovanni Colangelo, procuratore di Napoli, nel mirino della camorra. E’ quanto emerge dalle dichiarazioni del pentito pugliese Cosimo Zingaropoli il quale ha parlato di un piano messo in atto dalla camorra, con la complicità di una cosca del barese, per uccidere il procuratore di Napoli.

Il collaboratore di giustizia ha fatto una rivelazione precisa ed importante, dicendo che nel territorio di Gioia Del Colle, comune della provincia di Bari, sarebbe stato collocato più di mezzo chilo di tritolo. Perché proprio a Gioia del Colle? Perché è lì che risiede Giovanni Colangelo ed è lì che vive anche il boss del luogo, tale Amilcare Monti Condesnitt, un gestore di giostre ritenuto un trafficante d’armi.

Il tritolo era stato nascosto proprio davanti all’abitazione del boss Monti ed è stato ritrovato grazie alle dichiarazioni del pentito. Dopo il ritrovamento sono scattate le manette ai polsi per Monti Condesnitt e per altri quattro suoi uomini di fiducia, con l’accusa di detenzione illegale di armi ed esplosivo.

Sarebbe, dunque, stato messo in atto un vero e proprio patto tra la camorra e la Sacra Corona Unita al fine di togliere la vita al procuratore che, grazie alle sue inchieste, nel corso degli anni ha inflitto duri colpi alla criminalità organizzata.

Per mesi, dunque, sarebbero stati studiati gli spostamenti del procuratore che lavora a Napoli ma vive a Gioia Del Colle. Per i clan sarebbe stato più facile organizzare l’attentato nel comune barese piuttosto che nel capoluogo partenopeo. Secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe stato un clan di Scampia ad intercedere con il clan di Monti per l’organizzazione dell’attentato.

Giovanni Colangelo non si è voluto esprimere in merito a quanto emerso dalle parole del pentito ma avrebbe solamente confermato la sua volontà di continuare nel proprio lavoro al servizio dello Stato, fino a quando gli verrà richiesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *