Mario Mori: mancata cattura Provenzano, assolto l’ex generale

Mario Mori: la Corte d’Appello di Palermo ha assolto l’ex generale dei carabinieri Mario Mori e il colonnello Mauro Obinu dall’accusa di favoreggiamento nei confronti di Bernardo Provenzano

L’ex generale dei carabinieri Mario Mori è stato assolto dalla Corte d’Appello di Palermo, insieme al colonnello Mauro Obinu, dall’accusa di favoreggiamento nei confronti del boss dei corleonesi Bernardo Provenzano.

L’accusa aveva sostenuto che nel 1995 vi fu la concreta possibilità di arrestare Provenzano in seguito alle rivelazioni del boss Luigi Ilardo ma il blitz non scattò e, di conseguenza, la latitanza del boss di Corleone si sarebbe protratta per altri undici anni, fino al definitivo arresto giunto nel 2006. Secondo quanto espresso dalla Corte d’Appello, il fatto non costituisce reato.

In questo processo l’imputazione del favoreggiamento era rimasta la stessa ma, stavolta, non si faceva alcun riferimento alla presunta trattativa tra Stato e mafia. L’ex generale Mario Mori si è detto soddisfatto di questa sentenza la quale, a suo dire, gli restituisce onorabilità sia come uomo che come carabiniere.

Il legale di Mori ha parlato del lungo iter giudiziario relativo al suo assistito che, fino ad ora, in processi diversi, lo ha portato all’assoluzione sia per quanto concerne la mancata perquisizione del covo di Riina sia per quanto riguarda il mancato arresto di Provenzano. Ancora in corso, invece, il processo in merito al presunto ruolo che avrebbe svolto Mario Mori nella trattativa Stato-Mafia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *