Morto Totò Riina: era dal 1993 al 41 bis

Morto Totò Riina, il capo dei capi di Cosa Nostra: è spirato presso il reparto detenuti dell’ospedale Maggiore di Parma

Morto Totò Riina. Il numero uno di Cosa Nostra era ricoverato presso il reparto detenuti dell’ospedale Maggiore di Parma. Le sue condizioni di salute si erano aggravate di molto nell’ultimo periodo. Proprio ieri il boss aveva compiuto 87 anni. Dal 1993, anno dell’arresto, si trovava in carcere in regime di 41 bis. Mai un segnale di pentimento per tutte le stragi di cui è stato protagonista. Anzi, a più riprese aveva continuato a fare minacce, soprattutto al Pm Di Matteo. Con lui se ne vanno molti segreti su molte vicende di mafia e delitti di uomini delle istituzioni. Eppure, la partita con Cosa Nostra è più aperta che mai. C’è ancora da catturare l’attuale numero uno della mafia: Matteo Messina Denaro. Il boss trapanese è latitante proprio dal 1993, anno dell’arresto di Riina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *