‘Ndrangheta in Brianza: arrestato anche un medico

‘Ndrangheta in Brianza: finiscono agli arresti due persone, ecco di chi si tratta

La ‘Ndrangheta in Brianza sembra ormai una realtà consolidata. A testimoniarlo in maniera diretta sono le ultime indagini che hanno portato alla scoperta di veri e propri sodalizi criminali legati alla ‘ndrangheta in diverse aree del Nord Italia.

La Polizia di Stato di Milano, in seguito ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale meneghino, ha arrestato due persone con l’accusa di associazione mafiosa. Si tratta di un chirurgo plastico e del titolare di una ditta di autodemolizioni ubicata in quel di Desio.

Secondo quanto emerso dalle indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e condotte dalla Squadra Mobile di Milano i due sarebbero esponenti della locale di ‘Ndrangheta di Desio, in particolare del clan Iamonte-Moscato. Il medico avrebbe permesso a persone appartenenti al clan, nonché ai loro familiari, di entrare e farsi visitare senza alcuna prenotazione presso l’ospedale Niguarda di Milano. Il titolare della ditta di autodemolizioni, invece, avrebbe fornito armi al sodalizio criminale e avrebbe fatto da intermediario tra il clan e la mafia siciliana nella risoluzione di alcuni contrasti. Sembra, inoltre, che entrambi avessero riscosso dei crediti per conto di soggetti detenuti e avessero provveduto al loro sostentamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *