Pasquale Scotti si pente: presto la verità sul caso Cirillo?

Pasquale Scotti si pente: l’ex braccio destro di Cutolo, arrestato nel 2015 in Brasile, ha cominciato a collaborare con i giudici. Potrebbe presto emergere la verità su diversi casi scottanti degli anni ’80

Pasquale Scotti ha deciso di pentirsi. L’ex braccio destro di Raffaele Cutolo ha incominciato a collaborare con i giudici. Arrestato in Brasile nel 2015 dopo 31 anni di latitanza, Scotti è pronto a far luce su diversi raccapriccianti episodi accaduti tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta.

Al momento dell’arresto e dell’estradizione, Pasquale Scotti aveva mostrato un volto diverso, molto provato da quanto stava accadendo. Un segnale che aveva fatto ben sperare i giudici, proprio in vista di una futura collaborazione con lo Stato.

Scotti, negli anni ottanta killer di Cutolo, viveva in Brasile sotto il falso nome di Francesco de Castro Visconti. Dopo l’evasione dall’ospedale di Caserta la notte di Natale del 1984, l’ex boss ha fatto perdere le sue tracce per lungo tempo. In questi anni ha cambiato vita, ha messo su famiglia ed è anche per tale ragione che, probabilmente, ha deciso di diventare un collaboratore di giustizia.

Scotti potrebbe raccontare ai giudici diversi scottanti casi dei primi anni Ottanta. In primis, potrebbe rivelare i dettagli della trattativa per la liberazione dell’ex assessore della Regione Campania Ciro Cirillo. Potrebbe, in tal senso, parlare dei collegamenti tra brigatisti, uomini dei servizi segreti, camorristi e politici. Una vicenda sulla quale non è ancora stata fatta pienamente luce.

Non solo il caso Cirillo. Scotti potrebbe sapere molto anche in merito all’omicidio del commissario di polizia Antonio Ammaturo. Il delitto venne attribuito ad esponenti delle Brigate Rosse. Si è sempre, però, avuto il sospetto che anche la camorra abbia giocato un ruolo importante nella vicenda.

Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi mesi. L’augurio è che possa arrivare il prima possibile la verità su queste vicende che hanno gettato diverse ombre sulla Prima Repubblica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *