Pellaro, operazione Antibes: 16 fermi

Operazione Antibes anti ‘ndrangheta coordinata dalla Dda di Reggio Calabria: i dettagli

Sono già diverse le operazioni anti ‘ndrangheta effettuate dall’inizio del 2016. Pochi giorni fa c’è stata l’operazione Apegreen drug senza dimenticare Kyterion II ed un’altra operazione nei confronti della ‘ndrangheta a Torino. Insomma, la lotta alla ‘ndrangheta vive una fase importante e il blitz di stamane conferma il grande lavoro che stanno portando avanti le varie procure e gli inquirenti.

Stamattina è scattata una nuova operazione, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia. La Polizia di Stato ha disposto il fermo per sedici persone, ritenute appartenenti alla ‘ndrangheta di Pellaro, noto quartiere di Reggio Calabria. L’operazione prende il nome di Antibes. Il riferimento è alla località turistica francese dove nel 2013 fu catturato il boss Giovanni Franco, grazie al lavoro congiunto effettuato dalla Polizia Francese e dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria.

Tra i sedici fermi di stamane ci sarebbero uomini che avrebbero favorito la latitanza del boss e che lo avrebbero raggiunto proprio nella località della Francia. Franco, che si era dato alla latitanza dopo aver ricevuto una condanna definitiva a 11 anni e 4 mesi di reclusione per traffico di droga, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, coordinava dalla Francia le operazioni di affiliazione al locale di ‘ndrangheta di Pellaro. Per dodici delle sedici persone arrestate l’accusa è di associazione mafiosa. Contestati anche i reati di estorsione. Diverse le perquisizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *