Prestiti ad usura e impiego del metodo mafioso: 17 arresti a Roma

Erogavano prestiti ad usura e ne richiedevano la restituzione attraverso il metodo mafioso: sgominata un’organizzazione criminale

Erogavano prestiti ad usura attraverso l’utilizzo del metodo mafioso. I finanzieri del comando provinciale di Roma li hanno arrestati. Sono state, infatti, eseguite 17 ordinanze di custodia cautelare, di cui tre in carcere, su provvedimento del Gip di Roma e su richiesta della Dda capitolina.

Al centro dell’inchiesta l’imprenditore romano Alessandro Presutti, in costanti rapporti con pregiudicati campani e con il boss ‘ndranghetista Maurizio Rango. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di estorsione, usura, associazione a delinquere, reimpiego di capitali illeciti, abusivismo finanziario, riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e accesso abusivo a sistemi informatici. Per molti di questi reati sussiste anche l’aggravante dell’impiego del metodo mafioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *