Sequestro a Napoli: scovato tesoro del clan Contini

Sequestro a Napoli da 2 milioni di euro: nascosto in un borsone, nell’appartamento di un trafficante, il tesoro del clan Contini

Maxi sequestro a Napoli. Nel corso di una perquisizione effettuata nell’abitazione di un trafficante di droga i carabinieri hanno fatto una scoperta inaspettata. Nascosti in un borsone sono stati, infatti, rinvenuti lingotti, orologi lussuosi e diamanti. Il valore dei beni sequestrati ammonterebbe a circa 2 milioni di euro. L’uomo che custodiva i preziosi gioielli è ritenuto un elemento importante del clan Contini, storica cosca operante nel centro città.

Non è stato molto difficile risalire al clan Contini. Sembra che tra i beni sequestrati ci fossero anche la fede nuziale con il nome della moglie di Edoardo Contini, capo dell’omonimo clan, nonché una collana ricca di brillanti con, all’interno, il nome della figlia. Dai primi accertamenti non risulta che i gioiello fossero stati rubati. Il clan, dunque, avrebbe fatto un vero e proprio investimento in beni lussuosi e gioielli.

Antonio Muscerino, trafficante di droga a cui è stata sequestrata la merce, è finito in carcere lo scorso marzo nell’operazione Cartagena. In quella circostanza furono arrestati più di 30 affiliati al clan. Furono messi sotto sequestro beni riconducibili alla cosca napoletana per un calore superiore ai 20 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *